14 maggio 2019

Dal 17 maggio al 2 giugno 2019 al via il Festival "delle belle notizie": la presentazione a Chioggia

Il festival delle belle notizie. Ha scelto la più antica tolèla del 1760, esposta al Museo diocesano di Chioggia, l'organizzazione del Festival della Comunicazione quale "icona" per veicolare il messaggio della kermesse che inizierà venerdì 17 maggio, e che è stata presentata questa mattina nelle sale del Vescovado: un'immagine di salvezza affidata alla Provvidenza, emblema di notizie finalmente positive. Fino al 2 giugno si susseguiranno dibattiti, incontri, spettacoli musicali, teatrali e cinematografici, momenti spirituali e didattici, in vari ambienti del centro storico: l'auditorium San Nicolò, il cinema teatro Don Bosco, le chiese di San Giacomo, Santa Caterina e il Duomo, la pinacoteca della SS.Trinità, il Seminario e la piazza, fino alla visita al Forte San Felice. Tutte le iniziative hanno per filo conduttore la società dell'informazione nell'era del web, del tempo reale, delle immagini virali: con l'obiettivo di trovare un senso etico, una motivazione alta a governare il flusso secondo i valori e i princìpi del bene cristiano. 

A introdurre i temi e il calendario del Festival sono stati il curatore Sergio Ravagnan, il direttore di Nuova Scintilla don Vincenzo Tosello, Giuseppe Lacerenza della Società di San Paolo, suor Nadia Bonaldo delle Figlie di San Paolo e Valerio Salvagno che per conto della Fondazione Felice e Fortunato si occupa della comunicazione online del Festival. "Dalle social network communities alla comunità umana", è il motto fatto proprio dal vicario don Francesco Zenna che compare anche in un cliccatissimo video (7mila visite), e recepito anche dall'amministrazione comunale con il sindaco Alessandro Ferro che ha porto il saluto augurale della città prima di recarsi a testimoniare una prima bella notizia con la consegna alle spiagge delle carrozzine per il turismo inclusivo. 

Molti gli ospiti di rilievo che verranno a dar conto della propria visione: a partire dall'evento inaugurale, il 17 maggio all'auditorium San Nicolò, dove conferiranno Paolo Ruffini (prefetto del Dicastero della Comunicazione per la Santa Sede, già direttore di Rai Tre e La7), il presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Giuseppe Giulietti, padre Enzo Fortunato direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi, lo scrittore Alessandro Zaccuri del quotidiano Avvenire. 

Seguiranno, nei giorni immediatamente successivi, un convegni sul welfare intergenerazionale e il musical di Arena Artis ispirato dal libro-intervista di Andrea Tornielli a papa Francesco, poi giornate dedicate alla scuola e all'innovazione, la lettura-concerto "Rosso Fuoco Truma", teatro, convegni della stampa cattolica. Inoltre, sabato 25 maggio sarà a Chioggia l'ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli, il cui intervento compenetra il calendario di "Chioggia Incontra"; mercoledì 29 invece si parlerà di identità e accoglienza con il vescovo Tessarollo, il direttore di Famiglia Cristiana don Antonio Rizzolo e lo stesso Tornielli, giornalista di origine chioggiotta e oggi direttore editoriale della Comunicazione della Santa Sede. Ogni anno dal 2006 viene scelta una città e diocesi diversa: a Chioggia l'onore e la responsabilità di esserne all'altezza.

 

(fonte: http://chioggiaazzurra.blogspot.com)